I sistemi oscuranti per finestre sono accessori che fungono da ulteriore riparo dai raggi solari, favorendo la regolazione della luce, l’isolamento termoacustico, la protezione dagli agenti atmosferici e dai tentativi di effrazione. Possiamo dividere gli oscuranti in quattro tipologie, che approfondiremo nei prossimi paragrafi: 

L’importanza degli oscuranti viene spesso trascurata, propendendo per scelte dettate più dal risparmio economico che dall’effettivo rapporto qualità-prezzo. In commercio esistono molte possibilità di scelta con diverse fasce di prezzo e scegliendo il materiale più adatto potrai acquistare oscuranti leggeri, pratici, funzionali e soprattutto che durano nel tempo.

Nel corso dell’articolo andremo ad analizzare nel dettaglio i vari tipi di oscuranti, le loro componenti e i materiali di cui sono costituiti.

sistemi oscuranti per finestre: Prolux Evolution Oknoplast con veneziana
Finestra Prolux Evolution di Oknoplast, fissa e a vasistas

Tipologie di oscuranti

Come abbiamo anticipato, le funzioni primarie dei sistemi oscuranti per finestre non si limitano alla semplice regolazione della luce. È importante, pertanto, prestare la dovuta attenzione alla scelta del tipo di oscurante e del materiale di cui è composto. Andiamo ora ad analizzare le tipologie che abbiamo elencato nell’introduzione. 

Tapparelle

Le tapparelle sono, insieme alle veneziane, sistemi oscuranti per finestre che garantiscono la maggiore flessibilità nella regolazione della luminosità. Puoi regolare l’altezza dell’apertura e aprirle anche quando le ante delle finestre sono chiuse. Similmente agli infissi, anche le tapparelle sono elementi altamente personalizzabili per colore, tipologia e materiale. 

Per quanto riguarda il colore, hai a disposizione un’ampia scelta, in pratica tutti i colori RAL, compreso l’effetto legno, mentre per ciò che riguarda la tipologia di tapparelle, possiamo distinguere tra quattro macro-categorie: manuali, elettriche, orientabili e blindate. 

  • Le tapparelle avvolgibili manuali sono quelle classiche che si regolano sollevando manualmente la tapparella. 

  • Quelle orientabili sono fatte con lamine regolabili fino ad un massimo di 110° allo scopo di far entrare l’aria e la luce senza che si debba per forza sollevare la tapparella. Le tapparelle orientabili possono essere anche avvolgibili, ovvero le puoi tirare su completamente così da farle scomparire all’interno del cassonetto.

  • Uno dei loro punti di forza è il risparmio energetico: regolando opportunamente le lamelle, potrai fare entrare luce anche in estate, limitando il flusso di calore verso l’interno, permettendoti di risparmiare nell’utilizzo del condizionatore e quindi in energia elettrica. In inverno, a finestre chiuse potrai alzare la tapparella facendo trapelare i raggi del sole che contribuiranno al riscaldamento della casa. Oltre alle varianti di colore e di materiale, puoi trovare anche le tapparelle orientabili sia in versione manuale che motorizzata, in cui le lamelle si muovono a 90°.

  • Le tapparelle elettriche ti permettono di regolare luce e calore senza fare alcuno sforzo. Sono quindi ideali se non vuoi far fatica, se in casa ci sono persone anziane o con limitate capacità motorie, oppure se la tua abitazione ha vetrate ampie, come ad esempio le porte finestre. I comandi possono essere individuali ed essere azionati a chiavetta, con timer o radiocomando. Inoltre, tramite i radiocomandi fissi è possibile gestire fino a 8 tapparelle, mentre con quelli portatili si arriva fino a 12. 

  • Le tapparelle blindate sono particolarmente indicate se hai particolari esigenze di sicurezza. Se ad esempio vivi in una casa indipendente o in una zona particolarmente isolata oppure anche al piano terra di un palazzo. Sono spesso fatte con materiali più spessi e resistenti con l’aggiunta di meccanismi anti-effrazione come catenacci e ferri antifurto che vengono inseriti direttamente nelle pareti. 

Similmente alla ferramenta per infissi, le tapparelle vengono classificate secondo le classe RC. La classe RC1  permette la protezione contro ladri o scassinatori inesperti che provano ad entrare con il semplice utilizzo delle mani o dei calci. 

La classe RC2 invece ti assicura contro l’attacco di ladri che utilizzano mezzi di fortuna come cacciaviti, piedi di porco o tenaglie. 

Indipendentemente dal tipo di tapparella che andrai ad acquistare, è fondamentale che sia resistente al vento e impermeabile all’acqua. In entrambi i casi devi controllare la classe di appartenenza. 

Per la resistenza al vento ci sono 7 classi, dove la 1 è quella meno resistente, mentre la 0 riguarda le tapparelle non testate. Mentre per l’impermeabilità all’acqua sono invece previste 4 classi di test e anche in questo caso la 1 è la meno performante. 

Una parte fondamentale delle tapparelle: il cassonetto

Una delle parti più importanti perché più a rischio di dispersione termica, sono i cassonetti. Per questo motivo è molto importante fare attenzione alla scelta del materiale, come ad esempio nei cassonetti monoblocco, dove il PVC si unisce a tapparelle in alluminio. La combinazione dei due materiali permette di avere contemporaneamente ottime prestazioni in termini di trasmittanza termica (≤ 0,9 W/m2k) e resistenza ai tentativi di scasso.

Cambiare infissi e serramenti

Scuri esterni e scuretti interni

Gli scuri esterni sono i sistemi oscuranti per finestre meno flessibili, in quanto non permettono di regolare l’illuminazione. Se sono aperti avrai luce piena, mentre se sono chiusi il buio completo.

È vero che è possibile socchiuderli, ma solo fino alla lunghezza del gancio, inoltre, c’è il rischio che sbattano e non è possibile tenerli chiusi se le ante della finestra sono aperte. Un modo per evitare che gli scuri sbattano, o per poterli chiudere anche con ante aperte, è di optare per gli scuretti interni

Scuri e scuretti presentano diversi vantaggi rispetto agli altri sistemi oscuranti per finestre: 

  • Il buio più totale aiuta a conciliare il sonno e le infiltrazioni delle luci dell’alba, che ad alcuni danno fastidio e possono provocare un risveglio parziale o anticipato.

  • Sono gli oscuranti che permettono il maggior livello di isolamento termico, facilmente intuibile dal fatto che quando sono chiusi limitano al massimo il flusso di calore tra l’interno della tua casa e l’ambiente esterno. Mentre gli scuri interni sono indicati maggiormente le zone più fredde, come l’alta montagna, gli scuretti si adattano perfettamente anche ai torridi caldi estivi. Questo perché possono essere chiusi mantenendo le ante aperte.

  • Similmente alle tapparelle esistono in commercio gli scuri blindati dotati di cerniere e rinforzi di metallo

Infissi in PVC, alluminio o legno

Persiane

Il termine persiane può essere ambiguo in quanto può indicare sia tutti i sistemi di oscuranti per finestre, sia una specifica tipologia che potremmo indicare come ibrido tra gli scuri e le tapparelle. 

Le persiane infatti sono elementi ad ante, ma che a differenza degli scuri hanno delle lamelle, permettendo quindi una migliore regolazione della luce anche se non sono flessibili quanto le tapparelle.

Similmente agli scuri e alle tapparelle, ci sono diverse combinazioni di persiane sia in termini di colore che di materiale. Per quanto riguarda le tipologie di persiane le principali sono: 

  • Persiane ad ante girevoli: formate da una o due ante che hanno l’apertura verso l’esterno. Le lamelle di cui sono fatte possono essere fisse o regolabili, di solito tramite manovella.

  • Persiane scorrevoli: indicate per finestre o porte scorrevoli, similmente a queste girano su dei binari visibili o a scomparsa.

Veneziane

Le veneziane sono sistemi oscuranti per finestre avvolgibili come le tapparelle. A differenza di queste ultime sono formate da strutture più leggere, da lamine fisse e non hanno il cassonetto. Possono avere comando manuale o  elettrico, questo con o senza fili.

sistemi oscuranti per finestre: veneziane da interno Oknoplast
Veneziane interne di Oknoplast

Materiali per oscuranti

Dopo avere descritto i vari sistemi di oscuranti per finestre presenti sul mercato, andiamo a vedere di che materiali sono costituiti e i pro e contro. I principali materiali sono:

Oscuranti in legno

Gli oscuranti in legno hanno dei vantaggi in termini di estetica, eleganza e isolamento termoacustico, in quanto il legno è un isolante naturale. Molto però dipende dalla qualità del legno stesso, ci sono notevoli differenze tra un abete, legno massello e componenti di minore qualità come truciolati o laminati.

Altri contro sono:

  • I costi degli infissi e degli interventi di manutenzione per evitare che il legno si deformi e che perda le proprietà di impermeabilità all’acqua.

  • Lo spessore e la pesantezza delle ante, i profili in legno di persiane e scuri, in particolare, occupano più spazio rispetto al PVC e all’alluminio.

Oscuranti in alluminio

I sistemi oscuranti in alluminio sono molto leggeri e hanno profili sottili, sono disponibili anche con colorazioni effetto legno difficili da distinguere dall’originale. Sono molto resistenti agli agenti esterni, infatti non si deformano con il tempo. Resistono molto bene anche ai tentativi di scasso.

Per fornire ottime prestazioni in termini di isolamento termico devono essere a taglio termico, questo perché l’alluminio è un conduttore di calore. Come ulteriore svantaggio sono i costi che sono piuttosto elevati. 

Oscuranti in PVC

Il PVC fornisce ottime prestazioni in termini di isolamento termoacustico, agli agenti atmosferici ed è un materiale ignifugo. Non permette, infatti, la formazione di condensa nemmeno in presenza di sbalzi di temperatura.

È piuttosto leggero ed è disponibile in varie finiture e colori, compreso l’effetto legno. Il pvc, inoltre, non richiede particolare manutenzione se non la regolare pulizia.

Unico svantaggio, se non è di qualità (ovvero se non presenta le marcature CE oppure se è riciclato) può durare meno rispetto agli altri due materiali e scolorirsi a causa del sole.

 

Considerazioni finali

In questo articolo abbiamo analizzato le varie tipologie di sistemi oscuranti per finestre e come avrai intuito non c’è in assoluto un oscurante migliore degli altri, molto dipende dalle tue esigenze in termini di flessibilità, sicurezza, riposo e desiderio di privacy. 

Per quanto riguarda il materiale, invece, il PVC se è di qualità è un’ottima soluzione perché ti consente di avere alte performance a costi più contenuti. Gli oscuranti in PVC, essendo disponibili anche con l’effetto legno, possono facilmente adattarsi agli infissi di questo materiale.

Fai come molti italiani ed affidati ad Oknoplast anche per i tuoi sistemi oscuranti!

Trova rivenditore

Posted by Oknoplast