Quali sono le considerazioni da fare e le cose da sapere quando si sceglie la cucina?

In questo articolo vi parleremo delle caratteristiche dei materiali da cucina più utilizzati e delle loro differenze.
Scegliere il materiale per la cucina spesso significa trovare un giusto compromesso tra il gusto estetico e la funzionalità.
La cucina, a differenza di stanze che hanno altre destinazioni d’uso, è un luogo molto vissuto della casa; è per questo che l’usabilità dei suoi spazi diventa fondamentale e questo non vuol dire rinunciare al design e al gusto estetico.
Negli ultimi anni l’offerta in ambito di interior design è aumentata e si è diversificata anche in conseguenza del cambiamento della distribuzione degli spazi.
La riduzione in media dei metri quadrati delle abitazioni ha comportato un approccio molto differente nella struttura delle case e una nuova idea di concezione dello spazio. Se prima, per esempio, la cucina e la sala da pranzo di solito si trovavano in due stanze distinte, oggi spesso sono un’unica zona. Questo ha determinato l’esigenza di unire prestazioni performanti a caratteristiche estetiche particolari.

Cucina laminata o laccata?

Una delle prima domande che di solito ci si pone è se optare per una cucina laminata o laccata.

Quali sono le differenze principali tra questi due tipi di rivestimenti?

Il laminato è composto da fogli impregnati di resine fenoliche, e il genere più diffuso si chiama high pressure laminate (HPL), in cui i fogli sono attaccati tra loro tramite una forte pressione e calore. Il laminato è un materiale molto resistente, si pulisce con facilità ed è molto versatile

Il laccato ha molte varianti, ma è un pochino più delicato rispetto al laminato, anche se negli ultimi anni sono state realizzate vernici resistenti che mantengono la qualità e il colore del materiale più a lungo nel tempo. È comunque molto importante ricordarsi di non utilizzare per la pulizia dei piani laccati trielina, acetone o pagliette in acciaio. 

Cucina in acciaio

L’acciaio è molto robusto e si mantiene bene senza necessità di particolari manutenzioni. Proprio per queste sue caratteristiche è diventato uno dei materiali più diffusi nelle cucine moderne. La sua neutralità, in combinazione con le diverse forme di illuminazione, permette di giocare con i colori e creare effetti visivi molto interessanti.

Legno o effetto legno?

Il legno è uno dei materiali da sempre più utilizzati nell’arredamento. Capace di adattarsi bene a ogni contesto, con il calore e il fascino senza tempo che sprigiona, il legno dona agli ambienti un senso di accoglienza e benessere. È un materiale per cucina molto bello, che richiede però le giuste cure. Attualmente è possibile utilizzare tanti materiali nuovi alternativi, come per esempio il pvc, in grado di riprodurre le caratteristiche del legno, ma che a differenza dell’originale ha una manutenzione semplice e poco impegnativa

Scegliere il materiale più adatto per la cucina

Piano in marmo o granito

La pietra naturale in cucina è molto apprezzata, in particolare quando si tratta di granito e marmo. Il marmo richiede qualche attenzione in più rispetto al granito per restare bello e lucido, ma si trovano prodotti per la pulizia non aggressivi che mantengono intatte le caratteristiche della pietra. Marmo e granito hanno anche un’ottima resistenza al calore, aspetto non secondario nella scelta del piano da cucina.

Materiali innovativi per il piano della cucina

Materiali innovativi per la cucina: il Corian e il Dekton

Come già accennato, negli ultimi anni gli spazi della casa sono molto cambiati e spesso un piano cucina ha oggi molteplici funzioni come piano di lavoro, appoggio, tavolo; di conseguenza le esigenze sono molteplici.

Uno dei materiali più innovativi pensato proprio per assolvere a questa funzione è il Corian, inventato dalla DuPont nel 1967. Formato da idrossido di alluminio e resina acrilica, con l’aggiunta di pigmenti colorati per creare una rosa di tonalità molto varia, il Corian ha un’eccellente resistenza alla luce e al calore ed è molto facile da pulire e mantenere.

Un altro materiale innovativo dalle ottime prestazioni è il Dekton. Il Dekton si ottiene dall’unione di 20 minerali naturali di alta qualità e, grazie a particolari processi di lavorazione, è in grado di raggiungere in poco tempo le caratteristiche che la pietra naturale acquisisce in migliaia di anni. Le lastre in Dekton possono raggiungere dimensioni molto ampie e hanno uno spessore sottile.

Parola d’ordine: ottimizzare gli spazi

Oltre a scegliere un materiale per la cucina che abbia caratteristiche polivalenti, è necessario sistemare in modo intelligente mobili ed elettrodomestici, senza compiere scelte casuali o affrettate. 

Prolux Swing è la finestra basculante in pvc che nasce proprio dall’esigenza di ridurre l’ingombro in spazi ristretti e molto utilizzati.

Grazie all’apertura verso l’esterno, questa innovativa finestra in pvc non ruba nemmeno un centimetro e può essere tranquillamente collocata sopra il lavandino o il piano cottura, grazie all’apertura modulabile che la rende comoda e adatta a ogni esigenza.

Guarda il video di Prolux Swing, la finestra basculante in pvc

Posted by Oknoplast

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *