Il Feng shui, ovvero l’arte cinese di organizzare la casa in armonia con l’energia della Terra, non è solo una moda, ma una vera e propria filosofia che ha come principale obiettivo quello di favorire il benessere dell’individuo e allontanare le influenze negative. 
Vediamo di cosa tratta e quali sono le indicazioni da seguire per disporre l’arredamento secondo questa antica pratica orientale.

Cos’è il Feng shui 

Feng shui letteralmente significa “vento e acqua”: il vento, ovvero l’aria, è l’energia che sposta e trasforma la natura e il mondo e l’acqua è elemento naturale basilare per la vita sulla terra.

Questo nome metaforico indica l’antica arte cinese di organizzare gli spazi della nostra vita in armonia con energie positive naturali e si fonda sull’equilibrio tra lo Yin e lo Yang, ovvero il principio di ogni cosa, che costituisce il pensiero fondamentale della filosofia orientale.

Yin rappresenta il femminile, l’intuizione e la complessità, i colori scuri, mentre lo Yang rappresenta il maschile, la creatività, la forza, i colori chiari.

Arredare la casa secondo le regole del Feng shui

Il Feng shui ricerca l’armonia nella disposizione dei mobili, delle finestre, delle luci e di tutti gli elementi presenti nell’abitazione: centrale resta sempre la relazione che si stabilisce tra la casa e i suoi abitanti attraverso il passaggio di flussi energetici.

Secondo questa filosofia infatti in ogni ambiente confluiscono energie, chiamate Ch’i, che stimolano la persona, rilassano, infondono positività e coraggio. Se però ci sono elementi che ostacolano il loro decorso, queste energie si bloccano. Una finestra che non si apre bene, per esempio, potrebbe essere un ostacolo per i flussi energetici. 

Il Feng shui e l’ordine

L’ordine è un elemento fondamentale nel Feng shui. La prima regola infatti è quella di liberarsi di oggetti inutilizzati che non servono e impediscono alle energie di fluire correttamente. 

Il Feng shui, le finestre e le porte

Porte scorrevoli HST Oknoplast per ottimizzare l'ingresso della luce naturale in casa

Porte scorrevoli HST Oknoplast

Le finestre e le porte hanno un ruolo centrale nel Feng shui in quanto consentono il passaggio delle energie dall’interno verso l’esterno e viceversa, quindi il loro posizionamento è molto importante per il benessere e la qualità della vita tra le mura domestiche.

Le forme delle finestre che il Feng shui predilige sono quadrate o rettangolari, ma l’aspetto interessante e curioso è che, secondo questa filosofia, le porte rappresentano la bocca dei genitori, mentre le finestre la bocca dei figli, pertanto le porte devono essere più austere delle finestre ed il rapporto ideale tra le due dovrebbe essere 3 a 1.

Gli infissi devono essere disposti in modo che da poter sfruttare il più possibile la luce naturale favorendo l’illuminazione delle stanze ed è inoltre importante che si possano aprire completamente.

Cambiare infissi e serramenti

Sicuramente, per ottimizzare l’ingresso della luce e garantire una facile apertura e movimentazione, le finestre scorrevoli sono soluzioni ottimali. Le ante sono dotate di ampie vetrate che assicurano la massima luminosità e, grazie alla loro apertura laterale, non creano nessun tipo di ingombro, ampliando l’area arredabile della stanza.

Benessere e serenità in casa seguendo le regole del feng shui

Va benissimo anche installare sistemi oscuranti, proprio perché consentono di regolare la luminosità, a patto che siano agevolmente fruibili.

Inoltre, il Feng shui consiglia di porre sulle finestre elementi di controllo dell’energia basati sui cinque elementi:

  •     terra – vasi o contenitori in ceramica, pietra e terracotta;
  •     acqua – portacandele ad acqua o piccoli acquari;
  •     metalli – soprammobili e piccole sculture, preferibilmente in ferro;
  •     legno – decorazioni verdi o vere e proprie piantine;
  •     fuoco – candele, incenso.

Il Feng shui e il Bagua

Mappa energetica ottagonale per ottimizzare i flussi energetici

BaGua è un termine composto dalle parole Ba (otto) e Gua (area) che identifica una mappa energetica ottagonale formata dagli otto trigrammi dell’I Ching. Ciascun trigramma è chiamato Gua e corrisponde ad una direzione cardinale collegata un aspetto della vita: famiglia, figli, carriera, aiuti, creatività, amore, ricchezza, conoscenza, relazioni. 

Per ricercare i flussi energetici di una abitazione o attività basta sovrapporre il BaGua sulla piantina della casa, allineando il fondo della mappa BaGua alla porta principale. 

Per riequilibrare gli spazi non devono essere fatte necesariamente modifiche strutturali; talvolta basta variare colori e attuare piccoli spostamenti degli arredi

I colori del Feng shui 

Nel Feng shui colori hanno un ruolo fondamentale: 

  • Blu – Emana energia positiva, trasmette serenità e favorisce la concentrazione. Indicato per gli spazi di lavoro e la camera da letto.
  • Rosso – Rappresenta il fuoco, la gioia e l’eccitazione. Proprio per questo motivo è un colore indicato per le zone giorno della casa, senza comunque abusarne, mentre non è consigliato per la camera da letto poiché troppo pesante.  
  • Verde – Colore della novità e dell’equilibrio. Trasmette un’energia che rigenera e sembra favorire la digestione, per questo è perfetto per la cucina.  
  • Giallo – Porta il sole e la luce all’interno dell’abitazione. Vivace e brillante, le sue tonalità allontanano le energie negative e sono indicate per le zone studio e la cameretta dei più piccoli.  
  • Rosa – Infonde dolcezza e delicatezza, per questo è consigliato per qualsiasi ambiente. Anche in questo caso meglio non abusarne, soprattutto nelle sue tonalità più accese. 
  • Bianco – Indica il candore e la purezza. Contiene tutti i colori ed è perfetto per contrastare tonalità più forti e zone in cui il metallo è molto presente. 
  • Nero – Richiama l’intensità e la profondità e, nella cultura asiatica, simboleggia la femminilità. Indica stabilità e va benissimo se usato in cucina, purché non superi l’altezza dello sguardo. 
  • Marrone – Caldo e positivo, ideale per essere usato negli ambienti della casa esposti a sud. 

La disposizione delle stanze ideale secondo il feng shui

La disposizione dei mobili 

Secondo il Feng shui il divano dovrebbe essere posizionato vicino a un muro e lontano da fonti energetiche (porte e finestre) per favorire una sensazione di protezione; per lo stesso motivo, il letto dovrebbe essere disposto in modo che non si debba guardare la porta quanto ci si addormenta e il più lontano possibile da essa.

Gli specchi possono aumentare la luminosità e la grandezza percepita degli spazi, ma anche ostacolare il flusso delle energie positive. Meglio quindi non installarli in camera da letto (anche se dentro un armadio vanno bene), privilegiando soggiorno o corridoio.

La cucina deve essere sempre pulita e in ordine, meglio se i fornelli sono posizionati in modo tale che l’utilizzatore abbia il controllo visivo dell’intera stanza, o almeno della porta d’accesso.

Anche gli spazi esterni devono essere sempre ben curati, che si abbia a disposizione un giardino o una terrazza. Inoltre, se ne si ha la possibilità, coltivare piante o un orticello è considerata un’ottima pratica che favorisce benessere e serenità interiore.

Posted by Oknoplast

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *