Quando la stagione fredda entra nel vivo, non c’è niente di meglio che rincasare e trovare ad accoglierci un ambiente pieno di tepore. Quel bel “calduccio” che ci fa sentire protetti dal gelo che arriva da fuori, è l’atmosfera ideale per trascorrere una piacevole serata invernale in famiglia.

Cosa succede invece se entrando in casa avvertiamo un freddo ancora più fastidioso di quello che ci siamo lasciati alle spalle? Sicuramente non si avrà la sensazione di sollievo e benessere descritta nello scenario precedente!

Proprio così: se le mura domestiche non proteggono a sufficienza dalla temperatura esterna, la casa diventa un luogo tutt’altro che ospitale.

Correnti d’aria fredda, fastidiosi spifferi e “freddo nelle ossa”, causato dall’umidità latente presente all’interno degli ambienti domestici, sono solo alcune delle spiacevoli sensazioni che possiamo provare. Alla lunga, le “sensazioni” possono diventare veri e propri problemi di salute, soprattutto se l’umidità, non contrastata, si trasforma in muffa.

Isolare correttamente la casa dalla temperatura esterna è dunque il primo passo per creare ambienti caldi e accoglienti, per mantenere un microclima costante e per aumentare la qualità della vita negli spazi abitativi.

L’isolamento termico dell’edificio è un fattore determinante non solo per la salute della struttura e delle persone che la abitano, ma anche in chiave di risparmio energetico, riduzione delle dispersioni termiche e abbattimento delle emissioni inquinanti.

In questo articolo ci concentreremo in particolare sull’importanza delle finestre nell’isolare casa dal freddo e dagli agenti atmosferici.

Se di qualità scadente, datate e/o realizzate in materiali ad elevata conducibilità termica, le finestre perdono la propria funzione protettiva e si trasformano in ponti termici in grado di compromettere l’intero grado di isolamento dell’abitazione.

Per scongiurare uno scenario di questo tipo è importante rivolgersi solo ad aziende come Oknoplast, leader nella produzione di infissi a risparmio energetico in PVC e alluminio a taglio termico.

Iniziamo ora a scoprire le caratteristiche non devono mancare a una finestra o a una porta finestra per tenere lontano il freddo e assicurare il miglior comfort abitativo.

infografica vantaggi in pvc

Come isolare la casa dal freddo: i 3 passi fondamentali

Esistono diversi metodi per ottimizzare e migliorare l’efficienza energetica di un edificio, sebbene il modo più efficace rimane quello di associare più interventi contemporaneamente.

Come accennato, infatti, dedicarsi ad un solo intervento tralasciando gli altri potrebbe risultare controproducente. Ad esempio la presenza di infissi vecchi, non adeguatamente isolanti e pieni di spifferi potrebbe vanificare gli effetti benefici del cappotto termico, e viceversa. Pertanto, se davvero si intende isolare la casa dal freddo invernale e dalla calura estiva la cosa migliore è mettere mano alla riqualificazione energetica in modo sinergico attraverso 3 principali interventi:

  1. Realizzazione cappotto termico esterno

    Il cappotto termico prevede il rivestimento delle pareti esterne dell’involucro abitativo con uno strato termoprotettivo costituito da lastre isolanti di spessore minimo di 4 cm, successivamente rifinite con pannelli in cartongesso.

  2. Isolamento tetto

    Se oltre a proteggere il perimetro della struttura dotiamo il tetto di un buon sistema di isolamento e ventilazione, la temperatura esterna verrà contrastata in modo ancora più efficace. Il risultato saranno ambienti confortevoli, privi di umidità e climaticamente equilibrati. In particolare il tetto ventilato, ossia provvisto di una camera d’aria tra lo strato isolante e le tegole, facilita la fuoriuscita del vapore acqueo evitando la formazione di condensa.

  3. Installazione di serramenti in PVC e alluminio a taglio termico

    Dopo aver isolato tetto e pareti, non resta che sostituire le vecchie finestre con infissi di nuova generazione a elevate performance energetiche. Grazie alle finestre in alluminio a taglio termico e in PVC targate Oknoplast il freddo rimane fuori, e la casa si trasforma in un guscio confortevole e impenetrabile: calda in inverno, fresca in estate.

Non a caso, il nuovo Ecobonus introdotto dal Decreto Rilancio 2020 annovera tra gli interventi trainanti di riqualificazione energetica che danno diritto alla maxi-detrazione fiscale del 110% proprio “l’isolamento termico degli involucri edilizi di superfici opache, orizzontali e inclinate”, ossia la realizzazione del cappotto termico esterno e l’isolamento del tetto.

Anche la sostituzione dei vecchi infissi con modelli a risparmio energetico, se associata ad almeno un intervento primario (tra cui, appunto, l’isolamento di tetti e/o pareti), dà diritto al Superbonus 110%. Quando invece l’acquisto dei nuovi serramenti è sganciato dagli altri interventi trainanti, la spesa non è detraibile al 110%, ma, in alternativa, il contribuente può optare per l’opzione “Cessione Credito Ecobonus” e acquistare le nuove finestre a metà prezzo grazie allo sconto immediato del 50% in fattura.

Per approfondire l’argomento e scoprire le modalità per accedere ai benefici fiscali, vi rimandiamo all’articolo specifico: Decreto Rilancio e Superbonus 110%: ecco come funzionano veramente.

cessione-del-credito

Efficientamento energetico: scopri le caratteristiche “anti-gelo” delle finestre targate Oknoplast

Sapevate che circa il 35% del calore di un edificio viene disperso da porte e finestre?

Gli infissi giocano un ruolo chiave nel comfort abitativo e nella creazione di ambienti salubri, asciutti e vivibili. Quando il freddo e il calore penetrano in casa con facilità (rendendo vana anche l’azione isolante del tetto ventilato e del cappotto termico, nonché l’azione degli impianti di riscaldamento/raffrescamento), significa che è arrivato il momento di sostituire i serramenti.

Il motivo potrebbe risiedere nella cattiva qualità dei serramenti stessi, realizzati con materiali non idonei ad isolare dalla temperatura esterna, da un malfunzionamento, da una posa eseguita in maniera non impeccabile oppure dall’usura del tempo.

Vale a dire che le finestre probabilmente sono vecchie, e hanno perso (o forse non hanno mai avuto) il loro potere isolante. In passato, infatti, le finestre non erano costruite con le stesse accortezze e tecnologie di oggi e non di rado venivano utilizzati per realizzarle materiali conduttori termici, come l’alluminio a taglio freddo.

Oggi le aziende produttrici sanno bene quanto sia determinante il coefficiente di trasmittanza termica degli infissi in chiave di risparmio energetico. I materiali maggiormente utilizzati sono quelli che garantiscono i migliori parametri di isolamento termico, ossia legno, PVC e alluminio a taglio termico.

La scelta del materiale, dunque, è il primo fondamentale passo per isolare la casa dal freddo e dal caldo.

Meglio PVC, legno o alluminio a taglio termico?

Sono tutti materiali ad elevata capacità termoisolante, sebbene il legno sia più delicato degli altri e necessiti di maggiore manutenzione per mantenere inalterate estetica e funzionalità. Inoltre, nei contesti climatici particolarmente ostili (temperature molto basse o molto alte, frequenti piogge, vento, umidità, salsedine) il legno necessita di cure ancor più frequenti e specifiche rispetto a materiali più resistenti e flessibili come il PVC e l’alluminio a taglio termico.

A questo proposito, Oknoplast propone tra i suoi prodotti infissi a risparmio energetico dotati di certificazione Finestra CasaClima, uno dei riconoscimenti più prestigiosi d’Europa in materia di efficienza energetica.
Vediamo ora più nel dettaglio i principi costruttivi e le metodologie utilizzate da Oknoplast per garantire una gamma di infissi a prova di caldo e freddo.

Solidità strutturale

Per i suoi infissi Oknoplast impiega profili multicamera di vari spessori e sistemi di rinforzo in acciaio galvanizzato con spessore tra 1,5 e 2,5 mm: caratteristiche che aumentano i parametri statici e la solidità strutturale della finestra, permettendole di alloggiare vetrocamere particolarmente ampie, che ne migliorano l’isolamento termoacustico.

Una finestra solida infatti è anche una finestra capace di ridurre le dispersioni di calore ed isolare efficacemente dalla temperatura esterna, dall’umidità e dalle infiltrazioni d’acqua.

Vetrocamere basso emissive

Le vetrocamere basso emissive Oknoplast, con doppio o triplo vetro, sono riempite di gas Argon per limitare ulteriormente le dispersioni di calore, incrementando i già ottimi parametri di isolamento termico e acustico di PVC e alluminio a taglio termico.

Guarnizioni a lunga durata

Il grado di isolamento termico dei serramenti dipende anche dalla qualità delle guarnizioni. Quelle utilizzate da Oknoplast sono realizzate in elastomero termoplastico, materiale di ultima generazione dalle alte proprietà isolanti, in grado di mantenersi elastico e resistere alle più temperature esterne più ostili.

Rigorosi test di resistenza

I serramenti Oknoplast vengono sottoposti a rigidi test di resistenza. In particolare, vengono testati ad una temperatura massima di 60° (test di resistenza alle escursioni termiche), a 12 ore di simulazione pioggia torrenziale (test di impermeabilità) e ad una velocità di 160 km/h (test di resistenza ai carichi del vento e alla permeabilità all’aria).

Solo le migliori classi energetiche

Gli alti valori di isolamento termico collocano le finestre Oknoplast nelle migliori classi energetiche: A, A+ e Gold.

In classe Gold troviamo la finestra in PVC Winergetic Premium Passive, che vanta al suo interno una vera e propria tecnologia aerospaziale. È infatti rivestita internamente con una barriera isolante in Aerogel, materiale impiegato nella costruzione di veicoli spaziali e nella realizzazione delle tute degli astronauti della NASA: un sistema brevettato Oknoplast che permette di raggiungere il massimo isolamento termico, tale da rendere questa finestra in PVC adatta anche alle case passive.

Tutto ciò che serve in una finestra di qualità checklist completa

Come schermare il freddo grazie alle finestre Oknoplast

In questo articolo abbiamo visto quanto sia importante installare finestre a risparmio energetico per isolare casa da freddo e agenti atmosferici. Tra i vari elementi strutturali di un’abitazione, i serramenti sono quelli che incidono maggiormente sul fattore isolamento termico: trascurare la qualità degli infissi significa compromettere l’intero pacchetto isolante dell’edificio. Invece, associando l’acquisto di nuove finestre a lavori di riqualificazione energetica quali ad esempio cappotto termico e tetto ventilato, è possibile ottimizzare al massimo la capacità termoisolante della casa, a tutto vantaggio della qualità della vita domestica, del risparmio in bolletta e della creazione di ambienti caldi e accoglienti.

Approfittando degli incentivi fiscali oggi è possibile regalare alla propria casa serramenti nuovi di zecca a metà prezzo (con l’opzione “sconto 50% in fattura”) o beneficiando della maxi detrazione 110%.

Cosa aspettate?

Mai come ora è conveniente sostituire le vecchie finestre con serramenti di nuova generazione come quelli di Oknoplast, dotati delle più importanti certificazioni energetiche e realizzati secondo i più alti standard qualitativi per garantire risparmio energetico, salubrità dell’aria e schermatura dalle temperature esterne.

Richiedi un preventivo

Posted by Oknoplast