Quando si decide di cambiare le finestre della propria abitazione uno dei primi fattori a cui prestare attenzione è l’isolamento termico. Ma quali sono i principali fattori che incidono sulle prestazioni termiche delle finestre in PVC?

Il primo passo è conoscere la fascia climatica in cui si trova la tua casa, così da poter determinare sia il valore di isolamento termico minimo previsto dalla normativa, sia quello necessario per usufruire delle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico. Tale valore viene chiamato trasmittanza termica, identificata con il simbolo Uw. Più il coefficiente di trasmittanza si avvicina allo “0”, maggiori sono le capacità isolanti degli infissi.

Nel corso di questo articolo ci occuperemo di definire:

  • Le diverse fasce climatiche in Italia.
  • Le garanzie di qualità che gli infissi devono possedere.
  • L’importanza del profilo e dei vetri delle finestre.

Zone climatiche

La normativa D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 suddivide l’Italia in 6 diverse zone climatiche, che vanno dalla A alla F: i territori compresi nella medesima fascia presentano caratteristiche identiche dal punto di vista della temperatura. La normativa è stata introdotta al fine di porre un limite ai consumi energetici derivanti dall’utilizzo dei sistemi di riscaldamento che, come ben saprai, producono gas serra nocivo per l’ambiente.

Prima di scoprire a quale zona climatica appartiene il Comune in cui vivi, devi conoscere il concetto di “grado giorno”. Il grado giorno è la somma delle differenze positive giornaliere tra la temperatura esterna e quella interna di un edificio e maggiori saranno i gradi giorno, più vi sarà un clima rigido con un conseguente aumento dei consumi di gasA tal proposito è bene sottolineare che:

  • Vengono sommati solo i giorni che appartengono al periodo dell’anno in cui si può accendere il riscaldamento.
  • La temperatura interna è fissata per convenzione a 20°C, con una tolleranza di 2°C. Quindi potresti avere il riscaldamento a gas acceso fino al massimo di 22°C.

La prestazione energetica (fasce orarie e periodo di accensione del riscaldamento) è definita per legge in base alla zona climatica e alla tipologia di edificio (abitazione privata, uffici, impianti industriali).

Nella tabella sottostante puoi osservare: le 6 classi, i gradi giorno, le ore e il periodo invernale ad essa associati. Per vedere, invece, a quale classe appartiene il tuo Comune ti rimandiamo al documento stilato da Enea.

 

Sapere in quale zona climatica vivi ti aiuta a confrontare i consumi della tua casa con i valori medi riportati e a valutare la presenza di migliorie da apportare. Nel caso di consumi troppo elevati o di costruzione di una nuova casa, dovresti quindi scegliere gli infissi in PVC più adatti alla tua zona climatica.

Finestre in PVC e zona climatica

Una scelta accurata delle finestre ti permette non solo di risparmiare in termini di consumi, ma anche di ricevere gli incentivi dell’Ecobonus.

Nella tabella seguente puoi vedere i valori di trasmittanza termica che le tue finestre non devono superare in relazione alla fascia climatica di appartenenza.

Di seguito ti indicheremo quali sono le caratteristiche di una finestra in PVC di qualità.

Prestazioni termiche certificate

Prima di tutto è necessario assicurarsi che gli infissi che vorresti acquistare dispongano di tutte le garanzie necessarie e dei relativi attestati prestazionali. Per questo dovresti richiedere la documentazione relativa a:

  • Tenuta all’aria e isolamento acustico in base alle norme UNI-EN 12207 e UNI-EN 1026.
  • Impermeabilità alle infiltrazioni d’acqua alle norme UNI-EN 12208 e UNI-EN 1027.
  • Isolamento termico in base alle norme UNI-EN ISO 10077/1 e UNI-EN ISO 10077/2.

La legge prevede una garanzia minima di due anni per i serramenti.

Scegliere dei marchi prestigiosi di finestre in PVC come Oknoplast, non solo ti darà la certezza di acquistare prodotti certificati, ma anche la possibilità di aumentare l’isolamento termico dei tuoi infissi fino ai valori più alti disponibili in commercio. Gli accessori che contribuiscono a migliorare l’efficienza termica di una finestra sono molteplici e le aziende leader sono le uniche a disporre di una gamma completa di tutti questi elementi.

Trova rivenditore

L’importanza del profilo degli infissi

La componente principale che contribuisce all’isolamento termico di una finestra è la struttura, composta dal profilo in PVC e vetrocamera. Questi due elementi costituiscono insieme il 99% della superficie di un serramento e, come tali, sono quelli che giocano un ruolo fondamentale.

Partendo dal profilo, si può affermare che maggiore è lo spessore e il numero di camere, ovvero di intercapedini d’aria presenti al suo interno, maggiori saranno le sue proprietà isolanti. Quindi, se cerchi finestre molto performantila scelta dei serramenti in PVC dovrebbe puntare su infissi con grandi spessori. Questo ragionamento è vero in parte, perché la tecnologia ha permesso di progettare e realizzare sistemi sofisticati, come Prolux e Prolux Evolution di Oknoplast, che riescono a raggiungere parametri di isolamento elevati, tutti riconosciuti e certificati da numerosi test di laboratorio.

Cambiare infissi e serramenti

L’importanza della scelta del vetro

La scelta di infissi in PVC altamente performanti andrebbe affiancata alla selezione di vetri di qualità. Le vetrocamere, come visto nell’articolo dedicato, rivestono un ruolo fondamentale nel sistema finestra, e tra i compiti che devono svolgere c’è anche quello di isolare dal caldo e dal freddo.

Ma come orientarsi nella scelta della vetrocamera perfetta?

Come abbiamo visto esiste un parametro di riferimento: la trasmittanza termica, che si distingue in:

  • Trasmittanza del telaio (Uf).
  • Trasmittanza del vetro (Ug).
  • Trasmittanza lineare (Ψg), data dall’interazione tra i vetri, il telaio e il distanziatore dei vetri.

La trasmittanza del vetro migliora, ovvero ha un coefficiente più basso, all’aumentare delle lastre ed è per questo motivo che dalla vetrocamera doppia si è arrivati oggi alla possibilità di avere fino a 4 vetri. Lo spessore e l’aumento del numero delle vetrocamere non sono gli unici elementi che contribuiscono all’isolamento termico. Esistono infatti diversi trattamenti che possono incidere sulle caratteristiche di isolamento del vetro e sono pensati per trattenere il calore all’interno della casa o per proteggere dal surriscaldamento esterno. Un esempio sono i vetri a bassa emissione termica che hanno maggiori capacità nel trattenere il calore rispetto alle vetrocamere normali.

La giusta combinazione di numero di lastre e tipologia di vetro ti permetterà di raggiungere le prestazioni termiche ideali per la tua casa e per i suoi diversi orientamenti.

Gli accessori

Se stai pensando di acquistare nuovi infissi in PVC o se vuoi sostituire quelli vecchi, dovresti prestare attenzione anche agli accessori. Gli oscuranti (tapparelle, persiane e scuri) ti aiutano non solo a regolare l’illuminazione o la luce naturale della tua abitazione, ma costituiscono ulteriori barriere per l’isolamento. Se sei interessato a sapere quali sono gli accessori migliori per le tue finestre in PVC ti invitiamo a leggere l’articolo dedicato.

Considerazioni finali

L’isolamento termico porta vantaggi in termini di risparmio energetico, minor dispersione di gas serra nell’ambiente e bollette più contenute.

In questo articolo abbiamo visto come le finestre siano una delle principali fonti di dispersione di calore per un’abitazione. Per questo motivo è fondamentale acquistare infissi di qualità e scegliere la giusta soluzione sia in termini di materiali che di accessori.

Richiedi un preventivo

Posted by Oknoplast

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *