Pagina inizialeSuperbonus110 finestre
Icona Risparmio Energetico
Il nuovo Ecobonus al 110%

Cambiare le finestre con lavori in condominio senza sborsare un euro

Il privato potrà ottenere lo sconto in fattura dell’intero importo e cedere il credito.

Il Decreto Semplificazioni, convertito in legge nel luglio 2021, presenta nel suo articolo 33 (‘Semplificazioni superbonus’) diverse novità relative al Superbonus 110, già introdotto dal c.d. Decreto Rilancio del 2020.

Si tratta, com’è noto, di un un forte intervento sull’edilizia privata, che prevede un credito d’imposta del 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2022 (per i condomini che al 30 giugno 2022 abbiano raggiunto almeno il 60% delle opere) o al 30 giugno 2022 (immobile unifamiliare) in ottica di riqualificazione energetica degli edifici.

Tale norma, nota anche come Ecobonus 2020 o Ecobonus condomini, visto che deve interessare l’intero edificio residenziale, è rivolta a tutti i proprietari e ai detentori a qualsiasi titolo dell’immobile (inquilini, usufruttuari, comodatari) o delle unità presenti in un condominio.

Grazie al Decreto Semplificazioni sarà più agile fruire del Superbonus 110. La norma infatti ha stabilito che gli interventi ammessi al Superbonus 110 costituiscono manutenzione straordinaria.

Pertanto, sarà sufficiente una comunicazione di inizio lavori asseverata (CILA) per attestare gli estremi del titolo abilitativo che ha previsto la costruzione dell’immobile o, in alternativa, del provvedimento che ne ha consentito la legittimazione, affiancata alla progettazione energetica dell’intervento eseguita da un tecnico abilitato.

Entrando nello specifico delle agevolazioni, il superbonus del 110% riguarda solo gli interventi effettuati:

  • da condomìni

  • da persone fisiche (al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su singole unità immobiliari) solo per un «numero massimo relativamente agli interventi trainati di due unità immobiliari»

  • da Iacp (Istituti autonomi case popolari)

  • da cooperative di abitazione a proprietà indivisa

  • da Onlus, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale

  • da associazioni e società sportive dilettantistiche (solo per gli spogliatoi)

  • da organizzazioni non lucrative di utilità sociale, per interventi realizzati su immobili che rientrano nelle categorie catastali B/1, B/2 e D/4 (per esempio ospedali, conventi, case di cura e non solo unità abitative).

Restano escluse le categorie catastali di lusso A/1, A/8 e A/9

Il superbonus del 110% si potrà applicare se verrà effettuato almeno uno dei seguenti interventi trainanti relativi all’intero edificio, quali:

  1. Isolamento di almeno il 25% delle superfici opache che interessano l’involucro dell’edificio (il cosiddetto “cappotto termico”);

  2. Per i Condomìni sostituzione delle caldaie esistenti con impianti centralizzati a condensazione o in pompa di calore o geotermici per il riscaldamento (anche combinati con il raffrescamento e la fornitura di acqua calda sanitaria anche abbinati ad impianto solare fotovoltaico) che rispettino i requisiti richiesti;

  3. Per la singola unità abitativa, la sostituzione delle caldaie esistenti con impianti a condensazione o in pompa di calore per il riscaldamento (anche combinati con il raffrescamento e la fornitura di acqua calda sanitaria anche abbinati ad impianto solare fotovoltaico) che rispettino i requisiti richiesti;

In questo caso, e solo in questo caso, (ad eccezione degli immobili vincolati ai sensi del Dlgs 42/2004 che permette di non avere l’obbligo di interventi “trainanti”), anche le finestre che verranno installate congiuntamente ad uno degli interventi primari sopra indicati potranno beneficiare del Bonus 110 infissi. In questo modo sarà possibile ottenere delle nuove finestre gratis, sfruttando anche per il cambio dei serramenti il Bonus 110%.

Trova il rivenditore Oknoplast più vicino a te

Per poter accedere al Bonus 110 per la sostituzione degli infissi, tutti gli interventi effettuati nel loro insieme dovranno assicurare il miglioramento di almeno due classi energetiche in riferimento all’intero edificio , o se non possibile, il conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrare mediante APE ante e post-opera rilasciata da tecnico abilitato.

L’installazione dei soli serramenti (senza interventi trainanti a cui collegarsi come sopra descritto) invece non darà diritto al superbonus del 110% per gli infissi , bensì all’Ecobonus con sconto in fattura diretto del 50%. In questo caso non si potranno quindi ottenere i nuovi infissi gratis, ma si potrà comunque beneficiare di un’importante agevolazione (che al momento è in vigore fino al 31 dicembre 2021, salvo proroghe in Legge di Bilancio).

Lo sconto in fattura del 50% per le finestre potrà essere applicato anche per i lavori di solo recupero edilizio come restauro o risanamento conservativo, manutenzione straordinaria e ristrutturazione.

I tetti di spesa agevolabile per ogni lavoro saranno calcolati moltiplicando il massimale per il numero di unità immobiliari comprese nell’edificio.

Entrando nel dettaglio dei limiti di ciascun intervento, il superbonus del 110% spetterà per:

  • cappotto termico con il limite di 50.000 euro per una singola unità immobiliare, 40.000 euro per edifici da due fino a 8 unità immobiliari e 30.000 euro a unità per edifici oltre le 8 unità immobiliari

  • la sostituzione degli impianti esistenti con quelli a pompa di calore, caldaia a condensazione o geotermici, con limite di 30.000 euro per una singola unità immobiliare, fino a un massimo di 20.000 euro fino a 8 a unità immobiliari e 15.000 euro a unità per edifici con più di 8 unità

Il Decreto Rilancio 110% guarda con favore anche al fotovoltaico in quanto, se abbinato agli altri interventi trainanti, si può raggiungere un ammontare complessivo di spesa di 48.000 euro per l’intero edificio e comunque entro un limite di spesa pari a 2.400 euro per ogni Kw di potenza nominale dell’impianto solare fotovoltaico.

L’agevolazione del 110% si potrà applicare per l’installazione contestuale o successiva anche a sistemi di accumulo di energia integrati con gli impianti solari fotovoltaici con limite di spesa di 1.000 euro per ogni Kw. L’agevolazione non è cumulabile con altri incentivi pubblici ed è subordinata alla cessione dell’energia non auto-consumata in sito al GSE.

Anche le stazioni di ricarica per auto elettriche beneficeranno, se installate contestualmente agli interventi primari, del superbonus del 110%.

Oltre alle finestre, sarà possibile abbinare a uno degli interventi primari, sfruttando sempre il superbonus al 110%, ogni altro intervento di efficientamento energetico dei condomini o comunque previsto dall’Art. 14 del DL n.63 del 2013 convertito in legge n°90 del 2013 e gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche ai sensi della L. 13/89 (questi con limitazioni a portatori di disabilità o over 65).

Il 110% si applica anche agli interventi antisismici nelle zone a rischio di sismicità 1, 2, 3.

ATTENZIONE: Grazie al Decreto Semplificazioni, in caso di difformità urbanistiche/catastali sulle parti private delle unità in condominio, gli altri condomìni non perderanno il diritto all’agevolazione.

Per ulteriori informazioni puoi contattare il Premium Partner Oknoplast più vicino, che sarà lieto di aiutarti a capire come sfruttare il superbonus e le agevolazioni previste per le finestre dal Decreto Rilancio. In questo modo, migliorando l’efficienza energetica dei condomini, sarà possibile ottenere i nuovi serramenti gratis, aumentando il benessere in casa e riducendo il proprio impatto ambientale.

Stai cercando nuovi infissi per: *

Ti interessano infissi in...

L'amministratore dei tuoi dati personali è Oknoplast Sp. z o.o. con sede a Ochmanów, Ochmanów 117, 32-003 Podłęże, Polonia. I tuoi dati personali forniti come parte del modulo di offerta, verranno elaborati al fine di soddisfare la tua richiesta da parte di Oknoplast sp. Z o.o. e i suoi rivenditori. Nel caso in cui acconsenti alle comunicazioni di marketing, i tuoi dati personali verranno utilizzati anche a questo scopo. Sottolineiamo che il consenso può essere revocato in qualsiasi momento, ma il suo ritiro non pregiudica la legalità del trattamento effettuato prima del suo ritiro. Maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali qui https://www.oknoplast.it/privacy-cookie-policy.
Vuoi una consulenza sul tuo progetto infissi?
Contatta il rivenditore più vicino
Consulenza
Richiedi un preventivo dettagliato
Richiedi